HOME > ARTISTI > Fortunato Depero CONTATTI  |  AREA CLIENTI
         
    HOME       Fortunato Depero  
 
OPERA ARTE & ARTI
OPERE IN GALLERIA
SPAZI E GALLERIE
MOSTRE
ARTISTI
» Assadour
» Uccio Biondi
» J. Binfield
» Angelo Brando
» E. Cazzaniga
» P. Cervino
» Antonio Corpora
» P. Delle Monache
» Otto Dix
» Domenico Dell’Osso
» Fortunato Depero
» Filippo De Pisis
» Marcello Dudovich
» Pericle Fazzini
» Ilario Fioravanti
» Jean Michel Folon
» Giorgio Maria Griffa
» George Grosz
» Andrea Giovannini
» P. Guida
» Carlo Levi
» Luigi Guerricchio
» Emanuele Luzzati
» Onofrio Martinelli
» Gaetano Martinez
» Lorenzo Mattotti
» Moebius
» F. Mazzotta
» A. Mirashi
» Carlo Mo
» Richard Muller
» Ugo Nespolo
» Achille Perilli
» R. Pedullà
» Michelangelo Pistoletto
» Mimmo Rotella
» Andrés Retamero
» M. Tamburro
» Andy Warhol
» C. Tassinari
» Nino Tricarico
» Gianni Vagnetti
» Helidon Xhixha
R&R EDITRICE
CRACC SPIN-OFF Srl
 
Newsletter Newsletter
 Invia questa pagina
 Cerca
 Stampa
 
 
operait.com
     
 
Opere disponibili 07/07/2011  
Due figure, China e matita su carta ca.1920 14x11 cm
 
Biografia 07/07/2011  
Nato a Fondo nel 1892, Fortunato Depero si trasferisce con la famiglia a Rovereto dove frequenta la Scuola Reale Elisabettina, che abbandona al termine del V anno di corso. Respinto all’esame di ammissione all’Accademia di Belle Arti di Vienna, inizia a lavorare come scultore.Si trasferisce a Roma nel dicembre del 1913 e conosce Balla, Cangiullo, Marinetti e Sprovieri.

Nel marzo del 1915 pubblica con Giacomo Balla la "Ricostruzione Futurista dell’Universo", manifesto che apre una nuova stagione del Futurismo, proponendo una fusione delle diverse arti e un maggior coinvolgimento dell’arte nella vita.Nel 1916 riceve nel suo studio romano, l’impresario dei Balletti Russi Sergeij Diaghilev e, in seguito a quell’incontro, gli vengono commissionati costumi e scenografia per il balletto Le chant du rossignol di Igor Strawinskij, balletto che non verrà rappresentato.

Conosce il poeta svizzero Gilbert Clavel e con lui soggiorna a Capri nel 1917, illustrando il racconto "Un istituto per suicidi"; nello stesso anno prepara anche spettacoli teatrali e nel 1918, in collaborazione con Clavel, rappresenta a Roma i Balli Plastici, uno spettacolo di marionette composto da cinque azioni, musicate da Casella, Malipiero, Bartok, Tyrwhitt.

Nel 1919 apre a Rovereto la "Casa d’Arte Depero" nella quale vengono prodotti oggetti d’arte applicata, tarsie in panno e collages. Nel medesimo periodo realizza anche decorazioni e arredamenti d’interni, come quella del Cabaret del Diavolo.

Nel 1925 rappresenta l’Italia all’Esposizione Internazionale di Parigi insieme a Prampolini e a Balla. Due anni dopo pubblica Depero-Dinamo Azari (libro imbullonato), primo esempio di libro-oggetto futurista, per la realizzazione del quale ben esprime la sua fantasia grafica.

Nel settembre del 1928 va a New York, dove conduce un’attività intensa nei settori della scenografia teatrale e della pubblicità.

Nel 1930 torna in Italia, fonda e dirige la rivista "Dinamo", pubblica le Liriche radiofoniche e partecipa a numerose mostre nazionali ed internazionali.

Nel 1956 completa la decorazione della Sala del Consiglio Provinciale di Trento e l’anno seguente, in collaborazione con il Comune di Rovereto, realizza la Galleria Permanente e Museo Depero, istituzione che oggi conta più di 3000 fra dipinti e disegni, circa 7500 manoscritti e una ricca biblioteca sul Futurismo.

L’artista muore nel 1960.


 
       
www.operait.com    
Opera Arte & Arti  ::  Contatti  ::  Privacy Credits: basilicatanet.com