HOME > ARTISTI > Richard Muller CONTATTI  |  AREA CLIENTI
         
    HOME      
Biografia Precedente  
 
 
OPERA ARTE & ARTI
OPERE IN GALLERIA
SPAZI E GALLERIE
MOSTRE
ARTISTI
» Assadour
» Uccio Biondi
» J. Binfield
» Angelo Brando
» E. Cazzaniga
» P. Cervino
» Antonio Corpora
» P. Delle Monache
» Otto Dix
» Domenico Dell’Osso
» Fortunato Depero
» Filippo De Pisis
» Marcello Dudovich
» Pericle Fazzini
» Ilario Fioravanti
» Jean Michel Folon
» Giorgio Maria Griffa
» George Grosz
» Andrea Giovannini
» P. Guida
» Carlo Levi
» Luigi Guerricchio
» Emanuele Luzzati
» Onofrio Martinelli
» Gaetano Martinez
» Lorenzo Mattotti
» Moebius
» F. Mazzotta
» A. Mirashi
» Carlo Mo
» Richard Muller
» Ugo Nespolo
» Achille Perilli
» R. Pedullà
» Michelangelo Pistoletto
» Mimmo Rotella
» Andrés Retamero
» M. Tamburro
» Andy Warhol
» C. Tassinari
» Nino Tricarico
» Gianni Vagnetti
» Helidon Xhixha
R&R EDITRICE
CRACC SPIN-OFF Srl
 
Newsletter Newsletter
 Invia questa pagina
 Cerca
 Stampa
 
 
operait.com
     
Richard Müller nasce nel 1874 a Tschirnitz (valle del fiume Eger), in Cecoslovacchia.
Il ragazzo, che dimostra già all’età di cinque anni un grande interesse per la pittura, si iscrive alla scuola di decorazione su porcellana a Meissen. Verso i sedici anni si trasferisce all’Accademia di Belle Arti di Dresda. A diciotto lascia l’Accademia e si dedica allo studio degli animali del giardino zoologico cittadino.
Importante in questo periodo è il suo incontro con Max Klinger, che lo consiglia di dedicarsi all’incisione. E’ appunto con l’incisione L’Arciere che vince il Premio Roma e un’ingente somma di denaro.
Nel 1898 dipinge la "Fatebenesorella", che rappresenta il momento di passaggio dell’artista dall’incisione alla pittura. Nello stesso periodo è chiamato ad insegnare incisione all’Accademia di Dresda, dove sarà suo allievo George Grosz.
Dopo aver sposato la cantante da concerto americana Lillian Sanderson, rifiuta le offerte di insegnamento che gli vengono dall’Accademia di Berlino e dall’America. Allo scoppio della prima guerra mondiale lo troviamo sottoufficiale in Francia, dove la sua richiesta di essere collocato come pittore di guerra è accettata.
Al termine del conflitto riprende il suo posto di insegnante all’Accademia di Dresda, dove muore nel 1954.
 
 
       
www.operait.com    
Opera Arte & Arti  ::  Contatti  ::  Privacy Credits: basilicatanet.com